Laic - Lega amministratori
23 April 2018

Aderente a:

Aderente a:

Bologna

Via Marconi 5

09:00 – 13:00

Mar - Merc - Giov

Numero verde: 800.134.955

Sportello Energia

A partire dal mese di marzo LAIC attiverà per i propri associati uno sportello energia. Perché questa scelta? Perché siamo fermamente convinti dell’importanza di trasmettere una corretta informazione sulle tematiche energetiche, soprattutto in un periodo come questo in cui gli attori in campo sono tanti, ma non sempre i risultati vanno verso la direzione di un risparmio percepito. L’intenzione è quella di fare chiarezza su tre tematiche secondo noi importanti al fine di poter dare ai nostri associati la possibilità di fare scelte consapevoli:

 

Risparmio amministrativo: Come leggere una bolletta di energia elettrica e gas, capire le offerte presenti sul mercato libero, le opportunità e i rischi.

 

Risparmio energetico: Come riuscire a consumare meno energia elettrica e gas naturale, quali interventi fare e quali tipi di finanziamenti e sgravi fiscali ci sono.

 

Soluzioni tecniche: come saper capire quale soluzione tecnica sia meglio di un’altra una volta individuato il tipo di intervento di risparmio energetico da fare.

 

Se avete curiosità o domande da porre ai nostri esperti potete scriverci al form qui di seguito e vi verrà fissa to un appuntamento presso la sede Laic.

Nome e cognome

Area tematica:

La tua E-mail Richiesta

Telefono

Descrizione Richiesta:

Inoltre, progressivamente vi informeremo, anche attraverso le newsletter, su alcune tematiche riguardanti l’energia e il risparmio energetico.

 

DAL MERCATO TUTELATO VERSO IL MERCATO LIBERO

Il 2017 è un anno importante per il settore energetico in quanto sarà ultimo in cui si potrà usufruire di tariffe regolamentate (tariffe di TUTELA); successivamente si dovrà invece scegliere uno dei tanti fornitori di energia e gas in base alle tariffe ed ai servizi proposti.

Il legislatore, al fine di rendere più graduale tale passaggio e permettere ai futuri clienti del mercato libero di poter tastare i meccanismi che regolano questo mercato, ha istituito, a partire dal 1 gennaio 2017, un sistema tariffario particolare chiamato TUTELA SIMILE.

Riportiamo a seguito una sintesi di quanto è possibile trovare sul sito dell’Autorità per l’energia elettrica il gas ed il sistema Idrico che ha creato questa nuova istituzione contrattuale.

“La Tutela SIMILE è una particolare tipologia di contratto di fornitura di energia elettrica di durata di 12 mesi non rinnovabile. Tale contratto, pur basandosi sul mercato libero, è composto da condizioni contrattuali definite dall’Autorità, obbligatorie ed omogenee per tutti i venditori. Le condizioni economiche sono analoghe a quelle del servizio di Maggior Tutela, ma con la riduzione di un bonus una tantum – qualora il contratto perduri per tutti i 12 mesi – diverso da fornitore a fornitore, che viene applicato nella prima bolletta. Per tale ragione le offerte di Tutela SIMILE sono facilmente confrontabili tra loro e con il servizio di Maggior Tutela.

Tutti i clienti domestici e le piccole imprese (in bassa tensione, n.d.r.), attualmente serviti in Maggior Tutela, possono scegliere il contratto di Tutela SIMILE; Il contratto di Tutela SIMILE è un contratto web, che può essere stipulato con il fornitore, in maniera semplice e intuitiva attraverso il sito www.portaletutelasimile.it. Sul sito il cliente può scegliere in modo facile tra un numero limitato di offerte commerciali, semplici e standard, ordinate in funzione del valore del bonus una tantum offerto dai venditori.

Il cliente può aderire alla Tutela SIMILE fino al 30 giugno 2018 e la fornitura ha una durata massima di 12 mesi. Alla scadenza del contratto il cliente può scegliere se rimanere con lo stesso fornitore sottoscrivendo una nuova offerta di mercato libero oppure può stipulare un contratto di mercato libero con un fornitore diverso. In caso di mancata conclusione di un nuovo contratto, il cliente finale resta  con il fornitore ammesso alla Tutela SIMILE e gli vengono applicate condizioni contrattuali ed economiche di mercato libero in base ad una struttura standard definita dall’Autorità. Resta salva la facoltà del cliente finale di richiedere di rientrare nel servizio di Maggior Tutela.”

Al fine di chiarire meglio questi aspetti lo sportello energia dell’associazione è a vostra disposizione per chiarire bene tutti i pregi e le potenziali problematiche legate a questo nuovo servizio di Tutela SIMILE, dando anche delle indicazioni puntuali su quali sono le condizioni principali da chiedere ad un fornitore del mercato libero in modo da poter fare una scelta libera e consapevole.

IL RISPARMIO ENERGETICO QUESTO (QUASI) SCONOSCIUTO

Sono anni che i mezzi di informazione ci dispensano consigli su come tagliare i costi delle nostre bollette di energia elettrica, gas ed acqua. Ogni giorno riceviamo telefonate di aziende che propongono risparmi a due cifre se decidiamo di scegliere tra questo o quel contratto o qualche apparecchiatura miracolosa. Eppure i costi continuano a salire e non riusciamo a capire le reali motivazioni.

Il problema principale è che non esistono soluzioni gratuite o a basso costo che tagliano i costi in modo drastico, ma una serie di interventi fatti in modo oculato che possono permettere, sommati assieme, di ridurre in modo sensibile i consumi energetici con investimenti sostenibili, in quanto spesso finanziati dallo stato o da privati in cambio di una percentuale del risparmio ottenuto. Non esiste quindi un unica soluzione, ma tante possibilità che vanno necessariamente ritagliate su misura in base alle caratteristiche delle abitazioni, aziende, o condomini interessate al risparmio.

Di solito si deve partire sempre da una analisi della situazione energetica attuale (Audit energetico) fatta da persone competenti; tale situazione, permette di fissare i consumi energetici attuali e verificare quali sono i comportamenti o gli interventi tecnici necessari a ridurre i consumi, i costi ed i tempi di rientro. Chiunque pensi di proporre soluzioni standard o miracolose è in malafede sapendo di mentire. Quali sono queste soluzioni? Davvero tante, impossibile citarle tutte, ne indichiamo qualcuna giusto per dare qualche indicazione:

  • Impianti fotovoltaici (non è vero che sono meno convenienti adesso che gli incentivi sono in parte terminati);
  • Solare termico;
  • Riscaldamento e raffreddamento a pompa di calore anche in abbinamento al fotovoltaico;
  • Contabilizzazione calore nei condomini;
  • Inverterizzazione dei motori elettrici;
  • Sostituzione corpi illuminanti tradizionali con quelli ad alta efficienza.

Questi per citare quelli più conosciuti, ma davvero le soluzioni sono molteplici; contattateci per avere chiarimenti e capire quale può essere la soluzione più adatta alle vostre esigenze.

LO SAPEVATE?

A partire dal primo gennaio tutte le bollette di energia elettrica relative a contratti per uso domestico non residente aumenteranno di 135 euro all’anno (11,25 euro al mese) a causa dell’introduzione della componente fissa A3 (Promozione della produzione di energia da fonti rinnovabili e assimilate) che prima non veniva applicata. Questo aumento inciderà sensibilmente sulla fornitura in quanto, notoriamente, tale tariffa viene applicata alle seconde case in cui i consumi sono nettamente inferiori a quelle relative alla prima casa.

Questo tipo di aumento è presente sia sul mercato libero sia su quello regolamentato (Servizio di Tutela) ed essendo uno dei costi passanti non è eliminabile cambiando fornitore (così come alcuni consulenti poco professionali sostengono.

Top